Il saluto in giapponese si dice REI ed è la prima cosa che viene insegnata ai neofiti del Judo. Esso sancisce l’inizio e la fine di un allenamento e costituisce un vero e proprio atto di rispetto nei confronti del Maestro e dei ragazzi che si allenano con noi. Per questo motivo tutti i Judoka sono tenuti alla massima serietà durante l’esecuzione del saluto. Esistono due tipologie di saluto.

RITZU-REI

salutoIl Ritzu-Rei è il saluto in piedi.

  • Schiena dritta, braccia distese lungo al corpo, talloni uniti e punte leggermente divaricate;
  • Chinare il corpo di circa 20/30 gradi.

Il Ritzu-rei è un saluto usato in diverse occasioni. In particolare è buona norma eseguire il Ritzu -Rei:

  • OGNI VOLTA che si sale o si scende dal Tatami, con lo sguardo rivolto al ritratto di Jigoro Kano (generalmente presente in ogni Dojo),
  • OGNI VOLTA che si invita un compagno a combattere con noi,
  • Occasionalmente all’inizio e alla fine di ogni allenamento
  • All’inizio e alla fine di ogni Shiai.

ZA-REI

Za-rei è il saluto a terra.

Gli allievi si dispongono in riga lungo la “zona rossa”, in ordine di cintura, dal grado più basso al grado più alto in linea di fronte al Maestro e tutte le cinture nere.

Il capofila è colui che ha il conseguito il grado di Kyu da più tempo;

La schiena deve essere dritta, le braccia vanno distese lungo al corpo,i talloni uniti e punte leggermente divaricate, lo sguardo rivolto al Maestro

Al segnale del capofila SEZA,i Judoka si inginocchiano. Per inginocchiarsi correttamente occorre flettere prima il ginocchio SINISTRO e solo in seguito il ginocchio DESTRO;

Schermata 2016-06-09 alle 11.53.55

E’ importante sedersi sui talloni e appoggiare le mani sulle cosce;

Schermata 2016-06-09 alle 11.54.47

Al segnale del capofila REI, flettere il busto in avanti, con lo sguardo verso l’orizzonte

Schermata 2016-06-09 alle 11.59.09

Non alzarsi fino a che il Maestro non avrà autorizzato il capofila a dare il comando KIRIZTU. Per alzarsi si solleva prima il ginocchio destro, e successivamente il ginocchio sinistro.

Schermata 2016-06-09 alle 11.59.28

Quando si esegue? Viene anche definito “saluto cerimoniale”, e generalmente si esegue all’inizio e alla fine di ogni allenamento